Andria, quale tangenziale?

0

Sabino Zinni: «Ad Andria serve la tangenziale: ma che colleghi via Canosa al casello autostradale. Dico “no!” agli sprechi!»

«Ieri sera – scrive il consigliere regionale Sabino Zinni – all’Oratorio di Sant’Agostino si è tenuto l’importante incontro riguardante la cosiddetta “nuova tangenziale di Andria”.

Un tratto di strada a 4 corsie, lungo 9 km, dotato di 4 cavalcavia, due sottopassi e tre viadotti, che si vorrebbe realizzare nelle campagne a Sud di Andria.

Durante l’incontro la relazione dei tecnici – Giovanni Selano, Gianrodolfo di Bari e Pasquale Bruno – è stata dettagliatissima nel mettere in evidenza tutte le ragioni per cui fare questa strada sarebbe un inutile spreco: la più convincente è quella che non serve assolutamente a nessuno.

Il tratto in questione non sarebbe infatti quello che da via Canosa va fino all’uscita del casello autostradale, il quale sarebbe effettivamente necessario completando l’anello della tangenziale, ma il tratto Sud dell’attuale Strada Provinciale 2, dove una strada già c’è, e basterebbe ampliarla e metterla in sicurezza.

Visto che non ho avuto modo di farlo ieri vorrei ribadire la mia contrarietà a una cosa del genere. Stiamo facendo tanto in Regione per porre fine al consumo di suolo e agli obbrobri infrastrutturali, e sarebbe insensato ora andare avanti con un progetto simile, dannoso – considerato quanto emerso finora – da ogni punto di vista.

Ieri per il “FridayForFuture” ci siamo tutti professati ambientalisti, ecco, diamo seguito alle buone intenzioni e vediamo di essere ambientalisti con i fatti, partendo dalle cose che ci stanno più vicine».

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here