Tumori: attenzione altissima, ma no agli allarmismi

0

È quanto emerge dal convegno organizzato dal Calcit

«Oggi pomeriggio – scrive il cons. regionale Sabino Zinni – sono stato al convegno del Calcit, organizzato ad Andria, ed è stata un’ottima occasione per fare il punto sulla questione TUMORI.

Purtroppo, hanno spiegato gli esperti intervenuti, i tumori sono in crescita in tutta Italia, non foss’altro perché la vita media degli italiani si è allungata, dunque ci sono più possibilità di ammalarsi. Eppure è aumentata anche la possibilità di guarire che oggi è al 60%.

Bisogna quindi tenere alta l’attenzione, anzi altissima, ma non cadere nella trappola dell’allarmismo. Nella media nazionale – fin quando i dati non dicono il contrario – c’è anche Andria. Non esiste un “caso Andria” rispetto ai tumori, come hanno anche ribadito le associazioni che si occupano dell’argomento a livello cittadino.

Ora però permettetemi di dire anche una cosa bella:

La Puglia è la prima regione meridionale con una RETE ONCOLOGICA. Una rete che è partita il 14 gennaio e che servirà ai pazienti per essere presi in carico COMPLETAMENTE dal sistema sanitario.

Si tratta di una sfida ambiziosissima (in Italia solo il Piemonte ha una rete oncologica funzionante) che però se ciascuno fa il suo, possiamo vincere. Possiamo farcela anche se la Puglia, come tutte le regioni meridionali, prende per la sanità centinaia di milioni di finanziamento in meno rispetto alle regioni del nord.

Il tumore è stato definito “il male del secolo”, sembra imbattibile per ciascuno di noi preso singolarmente, ma forse affrontandolo insieme qualche chance ce l’abbiamo».

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here