Zinni: «Intollerabile l’atteggiamento di Giorgino»

0

Tra 10 giorni deve essere approvato il piano di riequilibrio finanziario del Comune di Andria, ma l’Amministrazione continua a secretare le carte

Mira dritto al punto l’ennesimo atto di accusa che il consigliere regionale Sabino Zinni rivolge pubblicamente al sindaco di Andria, Nicola Giorgino: «Un rapporto di ricerca del 2017 dell’Università di Venezia – “Le criticità finanziarie dei comuni italiani” – sul ricorso alla procedura di pre-dissesto, evidenzia che dal 2012 al 2017, su circa 259 richieste, solo 83 comuni (pari al 30%) hanno ricevuto l’approvazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale da parte della Corte dei Conti.

Il Comune di Andria fra meno di 10 giorni deve approvare il suo piano. Di questo piano però nessuno sa niente, neanche i consiglieri comunali che pure ne avrebbero diritto.

Per questo non possiamo che appellarci al Collegio dei Revisori dei Conti del nostro Comune, a loro chiediamo la massima attenzione su risanamento, congruità e sostenibilità del piano che sarà presentato, ed in particolare attenzione alla veridicità della esposizione debitoria e del rischio di soccombenza nei contenziosi.

Ci appelliamo a loro come ci si appella a qualche santo, ben consci però che l’amministrazione non è il campo dei miracoli. Piuttosto del serio e responsabile lavoro. Cosa che è mancata.

Il sindaco continua a voler fare l’uomo solo al comando che tutto vede e tutto provvede. Un atteggiamento che se già normalmente è sbagliato, in questo caso è assolutamente intollerabile».

LASCIA UN RISPOSTA