Zinni: «Non esiste un terrorismo di serie B…»

0

Soli due giorni, e i 49 morti in Nuova Zelanda sembrano già dimenticati

«È triste notare come l’attentato in Nuova Zelanda – 49 morti – sia finito nel dimenticatoio in un paio di giorni. Ammettiamolo: se fosse stato di matrice islamica adesso sapremmo tutti i particolari della vita degli attentatori, le storie personali delle vittime, e staremmo a dibattere su come cacciare i musulmani dalle nostre società.

Eppure il terrorismo, qualunque sia il suo orientamento, è sempre la stessa cosa disgustosa. È terrorismo quello dell’Isis, è terrorismo quello dei suprematisti bianchi e di Traini, è terrorismo quello delle BR che il 16 marzo di 41 anni fa rapirono Aldo Moro.

E a qualunque tipo di terrorismo si dovrebbe reagire sempre allo stesso modo, come ha fatto la giovane presidente della Nuova Zelanda, che di fronte al più grosso attacco mai accaduto nel suo paese, ha detto che “questi individui non hanno in alcuno modo spazio in Nuova Zelanda e, in realtà, non ne hanno da nessuna parte nel mondo. Non siamo un territorio che accoglie questo tipo di ideologie. Dobbiamo respingerle e lo faremo”».

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here