Zinni: “Salvini & Co.: solo chiacchiere e distintivo”

0

Altra sonora bocciatura dall’Europa, altra clamorosa marcia indietro del Governo italiano

«Com’era la storia di Salvini che dopo la lettera dell’Europa aspettava quella di Babbo Natale?

Forse – continua il consigliere regionale Sabino Zinni – gliel’ha chiesto anche Babbo Natale, fatto sta che il governo dal 2,4 per cento di deficit che aveva previsto, oggi si accontenta del 2,04. Il che vuol dire che ci saranno diversi miliardi in meno per reddito di cittadinanza e quota 100.

Sono passati da “Basta Euro” della campagna elettorale, a “cambiamo l’Europa dall’interno”, per finire piegati alla linea di Junker e Moscovici.

Il che non sarebbe neanche un grosso problema, se non fosse che in campagna elettorale i partiti ora al governo avevano promesso tutt’altro, prendendo un sacco di voti con quelle promesse.

L’immagine più efficace l’ho trovata in un commento che diceva “avete fatto la figura di quello che, di fronte a una possibile rissa grida: tenetemi se no lo distruggo. Solo chiacchiere e distintivo”. Per i 5 Stelle neanche il distintivo».

LASCIA UN RISPOSTA