2 giugno: festa della Repubblica

0

Le parole del presidente Mattarella

“Va ricordato che in ogni ambito libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni disseminate fra le identità, con chi fomenta scontri, con la continua ricerca di un nemico da individuare, con chi limita il pluralismo”.

«Così – commenta il consigliere regionale Sabino Zinni – ha detto ieri il Presidente Mattarella nel suo discorso per la Festa della Repubblica.

Il 2 giugno 1946 gli italiani scelsero la Repubblica alla monarchia, scelsero di essere governati dai loro rappresentanti e non da un uomo forte, scelsero di aver fiducia in una sovranità dialogica invece che calata dall’alto per grazia ricevuta.

Insomma scelsero la forma più alta di libertà ed io spero che possa essere per sempre così.

W la Repubblica!
W l’Italia!»

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here