Sabino Zinni: «Che l’appello di don Geremia non cada nel vuoto»

0

Un doloroso j’accuse di don Geremia Acri…

«Su tutto il territorio della Bat solo un bene su quattro, di quelli sequestrati alla mafia, viene effettivamente riassegnato e restituito alla collettività» riprende le parole di don Geremia Acri, il consigliere regionale Sabino Zinni, che prosegue:

«L’ultimo bene affidato ad Andria risale al 2011, eppure i progetti ci sono e sono a costo zero per il Comune, che avrebbe dovuto solo facilitare l’assegnazione.

Questo secondo don Geremia Acri avviene perché spesso tutto si arena in una zona grigia, fatta di connivenza, fra chi si è visto sequestrare questi beni, e chi dovrebbe riassegnarli.

Se le cose dovessero stare così, sarebbe davvero gravissimo. Nel frattempo però che la giustizia fa il suo corso, l’appello di don Geremia non può cadere nel vuoto.

Sarebbe il caso di scoperchiare il vaso e rendere noto a tutti, quale sia la situazione dei beni confiscati, nonché a che punto sono le procedure di riaffidamento. Quelli sono beni comuni e comune e limpida deve essere la loro gestione».

LASCIA UN RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here